Garanzia mutui prima casa, 30 banche aderenti

Dopo aver stanziato risorse per 600 milioni di euro, il Ministero dell’Economia informa che sono pronti i moduli con i quali si potrà presentare la richiesta per accedere alle risorse del fondo. La possibilità riguarda l’acquisto o la ristrutturazione di un immobile a uso abitativo, da destinare a residenza principale non di lusso e con determinate caratteristiche di efficienza energetica. Possibile chiedere fino al 50% della quota capitale del mutuo richiesto fino a un tetto massimo di prestito di 250mila euro.

 I soldi ci sono, i moduli sono pronti, la domanda non manca. Si tratta della possibilità di chiedere una garanzia statale sui mutui prima casa, grazie allo stanziamento delle risorse di un apposito fondo gestito da Consap.

«Le richieste – informa l’Economia in un avviso pubblicato sul sito del Dipartimento del Tesoro – potranno essere presentate da fine dicembre, solo dopo che la banca abbia assicurato l’operatività a favore della propria clientela (termine previsto in 30 giorni lavorativi dall’adesione della banca al Fondo)».

Sono 30 gli istituti di credito che hanno formalmente completato la procedura di adesione. L’elenco è visibile sui siti dell’Abi e della Consap e viene aggiornato costantemente. La lista include molte casse rurali e istituti del sistema del credito cooperativo. La concreta possibilità per i mutuatari si apre dopo circa 30 giorni dopo l’adesione della banca alla misura, e comunque solo a partire dal gennaio prossimo.

Garbo-pr